olympica

Sonus faber Olympica III con finitura in Wenge

6 settembre, 2017

C’è modo e modo di approcciarsi alla musica. Lo sa Sonus faber, che da oltre trent’anni s’impone di trasmettere la massima qualità del suono tramite diffusori costruiti con cura e dedizione artigiane; lo sa Vicenza, che orgogliosamente fa da sfondo alla storia del marchio. Vicenza, la città del tessile e degli artigiani orafi; soprattutto, la città del Palladio. E del suo Teatro Olimpico.
Disegnato da un genio italiano attraverso un progetto innovativo; costruito a regola d’arte, con i materiali migliori del tempo; benedetto da un’acustica che rende ogni concerto un’emozione; ultimo, ma non meno importante, meravigliosamente bello. Tutto questo è il Teatro Olimpico, e tutto questo è Sonus faber. Che per omaggiare colui che resta uno dei suoi principali ispiratori ha deciso di creare un’intera famiglia di diffusori che si richiama direttamente alla sua opera. 
Olympica. 
Mettiamo per un momento sotto i riflettori uno speaker Olympica III. Anche solo guardarlo lascia un’emozione; classica, come la bellezza degli oggetti di culto. Rivestimento in pelle naturale; condotto reflex posizionato verticalmente; cabinet di noce con inserti preziosi. Come quelli della nuova finitura Wengè con alluminio e sfumature scure che esaltano i contrasti con la pelle del frontale. Tutti richiami che, nel loro insieme, intendono rifarsi anche a quei motoscafi in legno che hanno reso celebre i cantieri nautici del Bel Paese.
Wengè si pone come coronamento estetico di Olympica e di tutta la tecnologia che essa si porta dietro: perché Il Teatro di Palladio è sì eleganza, dettagli, ma soprattutto strumento di valorizzazione acustica. Olympica ne è l’esatto sinonimo, grazie a tutta una serie di caratteristiche – dal tweeter da 29 mm al cabinet asimmetrico ispirato alle forme del liuto e della lira e pensato per eliminare le distorsioni, passando per la tecnologia bass-reflex che garantisce alle frequenze medio-basse le giuste velocità, articolazione ed estensione – che l’orecchio più allenato riconoscerà e amerà. Facendo a gara con l’occhio, in una corsa sensoriale che avrà un unico vincitore riconosciuto: il fortunato possessore di un diffusore Olympica.
Scopri la nuova finitura Wengè nel video che completa la linea.