Top

L’intervista di SoundStage!Global a Livio Cucuzza è stata l’occasione perfetta per raccontare dei diffusori acustici Palladio Custom Installation non solo dal punto di vista del prodotto, ma anche del “dietro le quinte” della produzione: scopri i contenuti del post di Dean Hartley.

Il legame con il territorio e con le proprie radici sono fattori chiave per Sonus faber; così ha detto Livio Cucuzza nell’intervista svoltasi durante la fiera Integrated Systems Europe (ISE) 2019, l’evento annuale che vede protagonisti principalmente i sistemi audio/video integrati.
Sonus faber è consapevole delle sue origini e della sua storia, e noi siamo sempre orgogliosi di mostrare al mondo chi siamo attraverso i nostri prodotti. Anche questa volta abbiamo scelto “Palladio” come nome della collezione per rendere omaggio al famoso architetto Andrea Palladio.
L’intera filosofia costruttiva segue questa idea: i nostri diffusori passivi hanno reso Sonus faber quello che è oggi, grazie alle loro performance e design italiano, e ora anche la collezione di diffusori acustici custom installation Palladio eredita il concetto di un diffusore acustico high end che non deve essere nascosto.

“Quindi, se il cliente desidera vedere il prodotto, siamo orgogliosi di mostrare la nostra tecnologia, i nostri altoparlanti, il nostro design. Tutti chiedono l’invisibilità, ma forse perché non sanno che possono avere un meraviglioso prodotto da mostrare.”

 

Dai diffusori acustici alla Custom Installation

Come detto da Livio Cucuzza, l’intenzione è sempre stata quella di abbinare il l’home-audio alla Custom Installation e il processo a livello di design è stato semplice e scorrevole, perché molto chiaro nella testa, e ha preso forma in due linee: Palladio Level 5, abbinato alla collezione Sonetto, composta di 2 modelli in-wall e 4 modelli in-ceiling; la Level 6 presenta invece 2 modelli in-wall e 5 modelli in-ceiling. Infine entrambe vantano un subwoofer passivo con cabinet in legno: il modello PS-G101.

La Level 6 ha richiesto un lavoro un po’ più complesso da un punto di vista acustico e architettonico, per garantire lo stesso livello di prestazioni della linea Olympica e del suo prestigioso midrange.

Secondo Livio, ISE era il palcoscenico più adatto per la presentazione di questa collezione. Abbiamo aspettato fino ad oggi proprio perché, prima di quest’anno, Sonus faber non aveva creato il prodotto giusto, che si è poi concretizzato in Palladio, una collezione che ha richiesto un “salto psicologico” coraggioso ma soddisfacente.

 

I DIFFUSORI ACUSTICI Custom Installation “learning by doing”

Quando si posiziona un prodotto del genere sul mercato bisogna partire dai feedback degli addetti ai lavori, e questo è quello che abbiamo fatto: abbiamo raccolto informazioni dai nostri dealer e distributori, chiedendo loro le caratteristiche necessarie di un diffusore acustici integrato. Poi lo abbiamo declinato secondo l’inconfondibile stile di Sonus faber.

Da qui nasce il progetto, ma nella nostra mente, l’intenzione è quella di voler percorrere una lunga strada nel mondo dell’installazione integrata. Così Livio ha concluso l’intervista:

“Crediamo davvero di dover restare al passo con i tempi, considerando che le esigenze del cliente sono in continua evoluzione. Vogliamo fare diffusori acustici integrati, restando fedeli allo stile Sonus Faber. Attualmente, sempre più persone ascoltano musica rispetto a prima, quindi i clienti ci sono, dobbiamo solo creare il giusto prodotto che soddisfi i loro desideri in continuo mutamento”.

Privacy Preference Center

      Necessary

      Advertising

      Analytics

      Other